• +39 02 70.60.33.70
  • info@mylton.com

Colpa Grave Medici

Colpa-Grave-Medici

Per richiedere un preventivo

Scarica il Modulo di Adesione ed inoltralo debitamente compilato all’indirizzo segreteria@mylton.com

DOWNLOAD MODULO DI ADESIONE

DOWNLOAD CONDIZIONI DI POLIZZA

LA COLPA DEL MEDICO - ERRORE MEDICO

La colpa medica, si divide in due distinte categorie: la colpa lieve e la colpa grave.

Per colpa lieve si intende la omissione di diligenza o di negligenza, dovuta all'approntamento non conforme al caso concreto, e che in conseguenza di ciò, ha causato un danno lieve o ingente nella esecuzione dell'intervento operatorio o nella diagnosi e terapia medica del caso trattato.
Un esempio di negligenza per colpa lieve è costituita dalla mancata informazione al paziente, sui probabili esiti invalidanti dell'intervento chirurgico. (vedi consenso informato sulla rubrica del sito Home Page)

Per colpa grave si intende invece, il compimento da parte del medico di un errore grossolano, dovuto specialmente alla violazione delle regole fondamentali e dalla mancata adozione degli strumenti, e quindi delle conoscenze che rientrano nel patrimonio del medico.
La legge stabilisce attraverso molte sentenza della Corte di Cassazione anche a Sezioni Unite che, la colpa grave si applica nelle ipotesi di imperizia, nell'ambito di interventi complessi (Cass. Civ. Sez III 26.3.90 n. 2428 ecc.ecc.)

Il medico, innanzi ad un paziente che deve esser sottoposto ad intervento chirurgico, ha una libertà di scelta che sicuramente deve concordare con il paziente informandolo, ma la scelta deve essere fatta sui metodi e sulle terapie approvate dal mondo scientifico, e qualora il medico scegliesse, in alternativa un rimedio che, non rientra in quegli scelti dalla scienza medica, egli è accusato di colpa grave.

A tal proposito, la Cassazione ha stabilito in una sentenza recente la numero 8875 del 98 che la scelta di un metodo rischioso da parte del medico, rispetto ad un metodo sicuro, costituisce il momento iniziale della responsabilità del medico, qualora la situazione pericolosa non venga superata con esito felice.

Quindi il medico risponde in sede civile per colpa lieve nelle ipotesi di negligenza e imprudenza mentre nelle ipotesi di imperizia risponde solo a titolo di colpa grave.
Nell'area della perizia si caratterizzano altri profili di diligenza professionale distinguendo tra:
1) scelta del metodo d'intervento, che permette una ampia discrezionalità del medico con il limite della colpa grave;
2) adozione di rimedi postoperatori per evitare complicazioni, che impone la conoscenza di tutti i rimedi che non siano ignoti alla scienza e alla pratica della medicina.

La colpa per imperizia ricorre quando la attività professionale sia scesa sotto quel livello professionale che è da pretendersi presso ogni medico che svolge in quelle condizioni particolari una determinata funzione.
La sentenza della S.C. del 22.2.88 n. 1847, che applica anche al medico quanto già statuito per altre professionalità (sent. 1132 del 1976 e n. 1441 del 1979) afferma che "il medico risponde anche per colpa lieve, ai sensi dell'art. 1176 c.c., ove di fronte ad un caso ordinario non abbia osservato, per l'inadeguatezza od incompletezza nella preparazione professionale, ovvero per omissione della media diligenza, quelle regole precise che siano acquisite per comune consenso e consolidata sperimentazione, alla scienza ed alla pratica e quindi costituiscono il corredo del professionista che si dedichi ad un determinato settore della medicina".

La colpa grave, richiamata dall'art. 2236 c.c., si riscontra nell'errore inescusabile, che trova origine o nella mancata applicazione delle cognizioni generali e fondamentali attinenti alla professione o nel difetto di quel minimo di abilità e perizia tecnica nell'uso dei mezzi manuali o strumentali adoperati nell'atto operatorio e che il medico deve essere sicuro di poter adoperare correttamente o, infine, nella mancanza di prudenza o diligenza che non devono mai difettare in chi esercita la professione sanitaria (Cass. 4 sent. 14446 del 6.11.90 rv. 185685).
Nel caso in cui il medico eserciti la propria attività senza la dovuta accortezza, egli risponde anche per colpa lieve, dal momento che il suo comportamento esula da quelli standards.

Così mentre le sentenze degli anni '80 individuavano la diligenza del medico come quella media del buon padre di famiglia (Cass. 22.2.88 n. 1847), oggi il regime applicato è quello della diligenza specifica rendendo più doveroso e puntuale l'atto medico.